News

Check out market updates

Essere green in casa è facilissimo

Esistono alcuni comportamenti virtuosi che possono trasformare la nostra casa in un ambiente con un minore impatto sull’ambiente, sulla salute e anche sulle bollette.

#1 Frigorifero

I frigoriferi di nuova generazione (classe A+++) sono eccellenti per risparmiare sulla bolletta, ma anche se il nostro frigo è un po’ vecchiotto e sa ancora fare egregiamente il suo lavoro, possiamo usare qualche accorgimento per usarlo al meglio e risparmiare. Per prima cosa regolare la temperatura in modo che non sia troppo alta e variarla a seconda della stagione. Quando le temperature calano, quelle del frigorifero salgono perché non avrà più bisogno di tutta quella potenza per raffreddare e conservare.

Leggi anche: Frigorifero più efficiente in 7 mosse

#2 Apparecchi elettronici

Lo abbiamo sentito ripetere molte volte, ma continuiamo a sottovalutare la quantità di energia consumata dagli apparecchi elettronici lasciati in stand-by. Oltre all’energia consumata, c’è anche la questione dell’inquinamento elettromagnetico generato dagli apparecchi spenti, ma collegati alla rete elettrica come modem, computer, televisori, stereo, forno a microonde, eccetera. Quindi, soprattutto prima di andare a dormire (ma anche prima di uscire di casa al mattino), spegnete tutti gli apparecchi elettronici e staccate le spine.

#3 Arredamento e piante verdi

Per essere esposti il meno possibile all’inquinamento domestico, quando compriamo nuovi mobili o accessori d’arredo, meglio scegliere materiali naturali trattati con sostanze atossiche. Non va sottovalutato, inoltre, il grande potere delle piante in casa nel purificare l’aria dall’inquinamento e regalare piccoli angoli di verde che non possono che fare bene anche all’umore.

Leggi anche: Purificare l’aria con le piante

#4 Detersivi e prodotti per l’igiene

Pulire casa in modo ecologico porta diversi vantaggi: economico, ecologico e salutare.
Il vantaggio economico è portato dalla scelta di detersivi fai da te e detersivi green acquistabili in versione ricaricabile che, a fronte di una spesa iniziale leggermente più alta, consentono poi un buon risparmio su vari fronti, compreso quello dell’eliminazione dello spreco di plastica. Utilizzare detersivi ecologici che non contengono componenti chimici aggressivi ci permette di pulire casa efficacemente, ma senza danneggiare la nostra salute e inquinare la propria casa e l’ambiente. Lo stesso, naturalmente, vale per i detergenti per la cura della persona. Una volta che li avrete provati, sarà davvero difficile tornare indietro (anche il naso ringrazierà).

Leggi anche: Detersivi fai da te ecologici

#5 Raccolta differenziata

C’è ancora molto da fare in Italia, ma possiamo tutti dare il nostro prezioso contributo a cominciare dalle nostre case. Quindi informiamoci nei nostri comuni su come possiamo differenziare i nostri rifiuti nel modo migliore e diamo il buon esempio ai nostri bambini e ai vicini di casa.

Finalmente anche in Italia si sta diffondendo la nuova pratica dei comuni “Rifiuti free”, quei comuni che, oltre a praticare in modo puntuale la differenziata, hanno deciso di puntare sulla riduzione del residuo non riciclabile da avviare a smaltimento.

Secondo una classifica di Legambiente del 2016, il nord è il più virtuoso con i suoi 413 comuni Rifiuti free (79% del totale). Segue il sud con 87 comuni (pari al 17% del totale) e il centro con 25 (pari al 5%). Le regioni che superano la media nazionale del 7% di Rifiuti free rispetto al totale sono il Veneto (con il 35% di comuni Rifiuti Free), il Friuli-Venezia Giulia (29%), il Trentino-Alto Adige (17%) e la Campania (9%).

Mancano all’appello solo Valle d’Aosta, Umbria, Puglia e Sicilia dove non ci sono Comuni con alta percentuale di differenziata e bassa produzione di rifiuto secco residuo.

fonte casa.it